Biblioteca Mario Rostoni

 
 

La valutazione della performance individuale nelle pubbliche amministrazioni

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13


La valutazione della performance individuale nelle pubbliche amministrazioni

/ Renato Ruffini. - Milano : Angeli, c2013. - 232 p. ; 23 cm. - (Economia & management ; 78). - ISBN 978-88-204-0835-0.

È dall’inizio degli anni novanta che nelle pubbliche amministrazioni, soprattutto quelle del comparto Regioni, enti locali e camere di commercio, la valutazione delle prestazioni è una prassi diffusamente adottata. Come spesso accade tuttavia, sia nel pubblico che nel privato, nelle singole organizzazioni spesso non si è affatto soddisfatti dei sistemi di valutazione delle prestazioni individuali. In molti casi si ha la sensazione che a fronte di un forte investimento organizzativo non vi siano reali vantaggi, anzi, vi siano costi emotivi e relazionali eccessivi. Insomma molti credono che la valutazione individuale crei più problemi di quanti ne risolva, In realtà , come sempre accade nel management, non vi sono strumenti risolutivi di problemi complessi, ma occorre sapere gestire i processi di miglioramento continuo e le relazioni interpersonali.

Partendo da queste considerazioni, il libro, in modo manualistico, cerca di individuare in che modo negli enti si possa procedere per migliorare e fare sviluppare i sistemi di valutazione adottati in modo da renderli più utili ed efficaci nella gestione del personale.

 

SOMMARIO

Presentazione7
1. Di che cosa parliamo quando parliamo di valutazione individuale9
1.1. Le finalità dei sistemi di valutazione della performance individuale e gli elementi della sua complessità9
1.1.1. I sistemi di retribuzione collegata al merito nella pubblica amministrazione13
1.2. I sistemi di valutazione delle performance individuali: presupposti e logiche manageriali21
1.2.1. La valutazione delle prestazioni nel contesto organizzativo21
1.2.2. I prerequisiti organizzativi per una efficace valutazione delle prestazioni22
1.3. La valutazione delle performance orientate a valorizzare il merito26
2. Metodi per valutare la performance individuale33
2.1. Valutare il grado di conseguimento degli obiettivi (cioè dei risultati) 33
2.2. Valutare i comportamenti35
2.3. Gli strumenti della valutazione46
2.4. La formazione dei valutatori49
2.5. Comunicare la valutazione50
2.6. Valutare i risultati della valutazione52
2.7. Collegare la valutazione alla retribuzione64
2.8. Oltre il merito, l'orientamento della valutazione delle performance allo sviluppo individuale72
2.9. Un (possibile) percorso di miglioramento80
3. Dalla valutazione della prestazione alla 'performance individuale': il quadro giuridico dato dalla riforma111
3.1. La valutazione individuale nel d. lgs. n. 150/09111
 
3.2. I requisiti necessari per una corretta valutazione secondo la riforma e le delibere Civit112
4. L'esperienza delle camere di commercio116
4.1. Uno sguardo d'insieme all'esperienza delle camere di commercio117
4.2. Gli attori dcl processo di valutazione119
4.3. Comportamenti organizzativi119
4.4. Note conclusive120
5. La manutenzione del sistema di valutazione delle performance individuali122
5.1. Concretezza innanzitutto126
5.2. 11 sistema di valutazione è equilibrato?127
5.3. Abbiamo tutte le condizioni organizzative per fare un buon lavoro?128
5.4. La dinamica e la diffusione del sistema di valutazione130
5.5. La gestione dcl processo di valutazione131
5.6. I soggetti132
5.7. La retribuzione132
5.8. Messa a punto della scheda di valutazione dei comportamenti organizzativi133
5.9. Messa a punto degli obiettivi137
5.10. La gestione dei risultati valutativi159
5.11. La ceck list87
Appendice 1. Esempi di schede di valutazione complete87
Appendice 2. Catalogo dei fattori di valutazione dei comportamenti organizzativi94
Bibliografia227
 
| Indice del sito della Biblioteca | Homepage del sito della Biblioteca