Biblioteca Mario Rostoni

 
 

Scienza dell'organizzazione

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13


Scienza dell'organizzazione

: il design di strutture, processi e ruoli / Gianfranco Rebora. - Roma : Carocci, 2017. - 409 p. ; 24 cm. - (Manuali universitari. Economia aziendale ; 182). - ISBN 978-88-430-8642-9.

L'organizzazione è una scienza nuova, sviluppatasi impetuosamente su fondamenti posti nel XX secolo. Nello scenario del nuovo millennio deve però affrontare l'impatto delle tecnologie digitali e anche l'esplosione della soggettività nella rete di relazioni che avvolge persone, imprese e istituzioni.

Oggi ci troviamo in una società di organizzazioni e partecipiamo in tanti modi all'attività di organizzare: è così che nelle pagine del volume l'organizzazione emerge e prende forma come 'prodotto vivente' di incessanti processi di interazione. Il manuale intreccia teoria e pratica, concetti e casi reali, memoria delle esperienze passate e orientamento al futuro, ampliando, attraverso l'approccio proposto di design dell'organizzazione, l'orizzonte di manager e specialisti chiamati a progettare strutture, processi e ruoli lavorativi. I diversi fattori, materiali, prescrittivi, emozionali, cognitivi e anche etici ed estetici, che guidano i comportamenti delle persone e influenzano le performance organizzative, sono così analizzati e integrati in una visione di sintesi.

 

SOMMARIO

Introduzione11
Parte prima - L'anaLisi organizzativa
1L'organizzazione, L'attività di organizzare, La teoria organizzativa17
1.1Diversi significati di organizzazione17
1.2L'organizzazione nell'economia dell'azienda18
1.3Gli elementi costitutivi dell'organizzazione22
1.4Attività e funzioni di organizzazione26
1.5 Teorie e visioni dell'organizzazione30
2I percorsi deLle scienze organizzative33
2.1La scienza e le teorie dell'organizzazione33
2.2Il percorso del Novecento: il locus e il focus degli studi organizzativi37
2.3La visione classica: l'organizzazione come motore di crescita40
2.4La visione umanistica: l'organizzazione come tessuto di relazioni49
2.5La visione strategica: l'organizzazione come vantaggio competitivo60
2.6L'apertura dei confini organizzativi e l'esplosione della soggettività69
2.7Oltre il Novecento: le teorie dell'organizzazione nei campo aperto della complessità83
2.8Le logiche istituzionali e gli ordini di valore87
2.9La Network Governance93
2.10Il design dell'organizzazione102
2.11Il Sensemaking108
2.12La dialettica tra progetto e processo117
3Le forme organizzative121
3.1La pluralità delle forme organizzative possibili121
3.2Come funziona l'organizzazione: routine, relazioni di rete, linee di influenza125
3.3La forma elementare130
3.4La forma organizzativa meccanica accentrata (burocrazia)138
3.5La forma organizzativa manageriale decentrata (diversificata)147
3.6La forma organizzativa professionale157
3.7La forma organizzativa innovativa168
3.8Il ciclo di evoluzione organizzativa e le forme ibride179
3.9L'ibridazione delle forme organizzative oltre i confini aziendali186
Parte seconda - La progettazione organizzativa
4Aspetti di metodo del design deLl'organizzazione193
4.1Due distinti livelli del design organizzativo193
4.2Alcuni criteri metodologici di riferimento per il design dell'organizzazione198
4.3Le dimensioni di complessità199
 
4.4La differenziazione organizzativa207
4.5Interdipendenza e integrazione209
4.6L'ampiezza del controllo e l'articolazione gerarchica212
4.7Le definizioni degli organi di staff214
4.8Dal momento progettuale generale al design organizzativo di dettaglio222
5L'architettura organizzativa e gli schemi generaLi aziendali di Chiara Morelli225
5.1La distinzione tra forme organizzative, strutture e schemi-base225
5.2La struttura organizzativa: definizione e rappresentazione grafica226
5.3I sistemi operativi: definizioni e classificazioni231
5.4Gli schemi fondamentali per l'impostazione della macrostruttura236
5.4.1Gli schemi semplici
5.4.2Gli schemi Funzionali
5.4.3Gli schemi funzionali orientati alla flessibilità e all'integrazione
5.4.4Gli schemi divisionali
5.4.5Gli schemi reticolari
5.4.6Gli schemi misti
6Il design dei ruoli e dei processi Lavorativi277
6.1I ruoli lavorativi nel contesto sociale e tecnico dell'organizzazione277
6.2L interazione tra ruoli nelle routine orgarnzzative285
6.3La classificazione a fini progettuali dei ruoli lavorativi291
6.4I lavori semplici o di base294
6.5I lavori specialistici o tecnicamente complessi305
6.6I lavori neo-artigianali o mestieri di esperienza pratica311
6.7I lavori creativi o 1 elite creativa delle professioni320
6.8I ruoli manageriali324
6.9Gli strumenti per il design dei ruoli orgarnzzativi335
6.10Verso forme organizzative evolute: la sfida per il design dei processi lavorativi nel XXI secolo347
7L'impatto organizzativo dei sistemi e deLLe tecnologie di informazione e comunicazione di Chiara Morelli357
7.1L'influenza dell'IcT sulle scelte organizzative357
7.2Le fasi di sviluppo delle tecnologie informatiche361
7.3La IT Governance e il ruolo del Chieflnformation Officer363
7.4Le principali applicazioni informatiche a supporto delle organizzazioni371
7.5Sistemi informativi e gestione del personale373
7.6L'impatto dell'ITC sulle forme organizzative378
7.7.La spinta dell'IcT nel design dei processi lavorativi380
Bibliografia383
 
| Indice del sito della Biblioteca | Homepage del sito della Biblioteca