Biblioteca Mario Rostoni

 
 

Expo

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13
Expo
: il lungo viaggio del progresso da Londra 1851 a Milano 2015 / a cura di Daniele Pozzi ; con un testo di Elisabetta Soglio. - Milano : Corriere della sera : Rizzoli, c2015. - 351 p. : ill. ; 21 cm.

DA LONDRA 1851 A MILANO 2015, la storia delle esposizioni internazionali corre parallela alla storia della nostra convivenza e dello sviluppo delle societ in cui viviamo. Le prime edizioni ottocentesche testimoniano la vitalit della neonata civilt industriale e celebrano il potere delle macchine,il trionfo della Ragione. Seguir invece un Novecento spazzato dalla follia dei nazionalismi lun contro laltro armati: ma tra le divisioni e le macerie sopravviveranno le citt ideali di Expo, spazi utopici dove provare a far vivere il sogno di scavalcare le frontiere. Con il nuovo cambio di secolo, la globalizzazione porta a un rilancio dellidea di Expo:
si apre ai Paesi emergenti e diventa di tutti come di tutti sono diventati problemi e opportunit.

E infatti ledizione che si inaugura a Milano il 10 maggio 2015, allinsegna del ((Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, mette in gioco pi di 140 nazioni, concentrando lattenzione su un tema quantomai centrale per il futuro dellumanit.

Questo libro, ricco di storia e di aneddoti, di curiosit e splendide immagini, come un Expo in miniatura propone un distillato della bellezza e della profondit concettuale di eventi che hanno cambiato il loro tempo. E dalla Great Exhibition di Londra alla prima avventura milanese del 1906, dalledizione di New York del 1939 - in un mondo gi preso nella morsa delle dittature - allo sfolgorio architettonico di Shanghai 2010, ricrea leterna sfida di Expo: concentrare nello spazio e nel tempo presente la complessit del mondo e leredit del passato, per offrirci un appassionante viaggio nel futuro.

 
| Indice del sito della Biblioteca | Torna all'homepage del sito della Biblioteca