Biblioteca Mario Rostoni

 
 

Le banche italiane sono speciali?

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13


Le banche italiane sono speciali?

/ : nuovi equilibri tra finanza, imprese e stato : quindicesimo rapporto sul sistema finanziario italiano / Fondazione Rosselli ; a cura di Giampio Bracchi e Donato Masciandaro ; saggi di F. Bartoli ... [et al.]. - Roma : Edibank, 2010. - 383 p. ; 24 cm. - Lingue del testo: italiano, inglese. - ISBN 978-88-449-0487-6.

La Fondazione Rosselli è un istituto di ricerca costituito a Torino nel 1988.

Suo scopo principale è lo studio delle politiche pubbliche nazionali ed europee.

La Fondazione Rosselli intende offrire risposte alle domande dei governi e del sistema economico su alcuni temi cruciali per il futuro italiano ed europeo.

Il suo interesse nell'ambito delle dinamiche in atto nel mondo economico italiano si concretizza nella realizzazione di ricerche specifiche e di rapporti.

In particolare, il Rapporto sul Sistema Finanziario Italiano si pone come un appuntamento annuale per affrontare e valutare le priorità del mondo finanziario e bancario italiano.

 

SOMMARIO

Giampio Bracchi e Donato Masciandaro - INTRODUZIONEII
Parte prima - BANCHE, MERCATI E IMPRESE
Mariarosa Burroni, Riccardo Bramante, Federica Poli e Simone Rossi - LE SPECIFICITÁ DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PRIMA E DOPO LA CRISI FINANZIARIA: UN'ANALISI DEGLI EFFETTI SULLE CLASSI DIMENSIONALI DI FIDO23
1. Premessa23
2. Rassegna della letteratura24
3. L'evoluzione del credito alla clientela: alcune evidenze quantitative27
4. L'utilizzo di un modello VAR per l'analisi delle dinamiche delle classi dimensionali di fido alle imprese35
5. Conclusioni40
Appendice42
Bibliografia44
Chiara Colu_,Zi, Roberto Di Salvo and Juan Sergio Lopez - BANK LENDING TO THE ECONOMY AND THE FINANCIAL CRISIS: EVIDENCE FROM THE ITALIAN BANKING SYSTEM47
1. Motivation and Literature Overview47
2. Bank Lending during the Crisis49
3. Data and Empirical Strategy51
4. Estimation Results54
5. Robustness Checks and the Case of BCCs56
6. Concluding Remarks58
Annex59
References60
Maria Luisa Di Battista e Laura Nieri - CRISI FINANZIARIA, CREDITO ALL'ECONOMIA E COMPORTAMENTO DELLE BANCHE IN ITALIA63
1. Obiettivi e struttura del lavoro63
2. Le tendenze nel mercato del credito bancario italiano nel corso della crisi64
3. Le politiche di offerta in un campione di banche italiane66
3.1 Il campione e il dataset66
3.2 Politiche creditizie e condizioni operative dei gruppi bancari70
3.3 Le performance dei gruppi bancari più dinamici76
4. Conclusioni78
Appendice79
Bibliografia80
Annalisa Ferrari, Umberto Filotto e Federica Ielasi - DOES ONE SIZE FIT ALL? SISTEMI FINANZIARI EUROPEI E CRISI FINANZIARIA: I MERCATI DEI MUTUI IPOTECARI E DEL CREDITO AL CONSUMO81
1 Premessa81
2. Review della letteratura83
3. Campione e metodologia86
4. Principali risultati raggiunti87
4.1 Le relazioni tra variabili macro-economiche e andamento dei mercati dei prestiti alle famiglie87
4.2 Un confronto tra mercati dei crediti immobiliari e al consumo89
4.3 L'impatto della crisi finanziaria sulle relazioni tra congiuntura e mercati dei prestiti91
5. Conclusioni95
Appendice statistica - Andamento dei mercati del credito al consumo e dei mutui residenziali98
Bibliografia102
Francesca Bartoli, Giovanni Ferri, Pierluigi Murro and Zeno Rotondi - WHAT'S SPECIAL ABOUT BANKING IN ITALY? LENDING TECHNOLOGIES, COMPLEMENTARITY AND IMPACT OF SOFT INFORMATION105
1. Introduction105
2. Survey of the Literature107
3. The Dataset109
3.1 The Survey Data109
3.2 Construction of the Lending Technology Indices113
3.3 Variables117
4. Empirical Evidence on the Complementarity among Lending Technologies119
4.1 Methodology119
4.2 Findings120
4.3 Robustness124
5. Empirical Evidence on the Impact of Soft Information124
6. Conclusions128
Appendix - Survey Questions129
References130
Stefano Monferrà e Gabriele Sampagnaro - RAPPORTO BANCA-IMPRESA E CRISI FINANZIARIA: QUANTO VALE L'INTENSITA DI RELAZIONE133
1. Premessa133
2. Riferimenti alla letteratura135
3. Campione dati137
4. Analisi descrittiva139
5. Analisi multivariata: il modello e la descrizione delle variabili141
6. Primi risultati empirici145
7. Conclusioni147
Appendice148
Bibliografia152
Angela Botticini, Christian Capitano, Flavio Cocco and Zeno Rotondi - LEVERAGE RATIO, DEFAULT CYCLE AND CAPITALIZATION OF THE ITALIAN SME155
1. Introduetion155
2. Micro Data and Micro Modeling158
3. Macro-Financial Risks, Macro-Sectoral Interdependence, and Historical Default Rates with a Sectoral Global-VAR Approach163
4. Analysis of Shocks - The Role of Interdependence168
5. The Risk Profile of the Italian Corporale Sector - On the Role of Leverage178
6. Conclusione185
Appendix A - Default Grade187
References189
Anna Gervasoni - CAPITALI PER LO SVILUPPO: NUOVI EQUILIBRI PUBBLICO-PRIVATO191
1. Il quadro di riferimento191
2. Alcune evidenze empiriche192
3. Il concetto di equity gap195
4. La partnership pubblico-privato196
5. Le modalità di intervento: l'azione del pubblico e del privato197
 
6. Best praetices internazionali199
6.1 L'esperienza UK199
6.2 L'esperienza USA201
6.3 L'esperienza di Israele202
6.4 L'esperienza tedesca203
6.5 L'esperienza irlandese205
6.6 L'esperienza olandese206
6.7 L'esperienza francese207
6.8 L'esperienza danese208
6.9 Un quadro di sintesi208
7. La realtà italiana209
Bibliografia214
Parte seconda - GOVERNANCE E ORGANIZZAZIONE DELLE BANCHE
Marina Brogi - CAPITAL ADEQUACY AND DIVIDEND POLICY: EVIDENCE FROM ITALIAN BANKS219
1. Introduction219
2. Current Regulatory Framework and Proposed Changes220
3. A Descriptive Analysis of Capita] Adequacy of the Italian Banking System from 1995 to 2009224
4. Dividenti Policy236
5. New Share Issues240
6. Conclusione243
References245
Umberto Filotto e Paolo Mottura - LE RAGIONI DELLA BIODIVERSITA NELL'INDUSTRIA BANCARIA249
1. Premessa249
2. Le condizioni della formazione del pluralismo istituzionale bancario250
3. Il cambiamento del disegno istituzionale di fondo e la formazione di macro-squilibri strutturali252
4. Vi sono argomenti favorevoli alla tutela della diversità dei modelli istituzionali di banca?255
5. Alcuni vantaggi della diversità istituzionale257
6. L'etica (M) dei banchieri259
7. Regole, opportunismi, incentivi260
8. Lega il cavallo dove vuole il padrone263
9. Conclusioni: la risposta istituzionale264
Bibliografia267
Pasquale La Ganga e Pasqualina Porretta - RECENTI EVOLUZIONI NELLA GESTIONE DEL RISCHIO DI LIQUIDITA: FUNDS TRANSFER PRICING269
1. Premessa269
2. Multidimensionalità e trasversalità del rischio di liquidità271
3. Nuovi orizzonti per il liquidity risk management: il pricing della liquidità274
4. FTP: definizione, obiettivi e metodologie di calcolo a confronto278
5. Lo stato dell'arte: implicazioni gestionali e metodologiche287
6. Conclusioni: aree di miglioramento e potenziali sfide294
Bibliografia297
Alessandro Carretta, Vincenzo Farina and Paola Schwizer REBUILDING TRUST IN THE FINANCIAL MARKET: COMPLIANCE AND EFFECTIVENESS ISSUES FOR BANKING BOARDS299
1 Introduction299
2. Specific Issues Facing Bank Boards300
3. The Object of the Evaluation: Effectiveness Issues Facing Bank Boards301
3.1 Board Level Drivers302
3.2 Individua) Drivers: Competencies and Commitment of Directors305
4. Conducting Boards and Director Evaluations: Actors and Tools305
4.1 Actors306
4.2 Tools307
5. Conducing a Board's Evaluation in Banking Organizations308
6. Conclusions310
References311
Parte terza - REGOLAMENTAZIONE, VIGILANZA E BANCHE CENTRALI
Giorgio Di Giorgio and Zeno Rotondi - THE FUTURE OF MONETARY POLICY: EXIT STRATEGIES BETWEEN ART AND SCIENCE319
1. Introduction319
2. Monetary Policy before the Crisis321
3. How Well Did the FED and the EcB Do?323
4. An Exit Strategy for Monetary Policy: Monetary Policy Framework326
5. Exit Instrument Rules328
5.1 Backward Basis-Risk Smoothing328
5.2 Forward Basis-Risk Smoothing330
6. Exit Targeting Rule331
7. Which Exit Rule Is More Desirable?333
8. Conclusions334
References335
Lucia Dalla Pellegrina, Donato Masciandaro and Rosaria Vega Panami - FINANCIAL SUPERVISION, MONETARY POLICY AND CENTRAL BANK INDEPENDENCE337
1 - Introduction337
2. Dataset and Descriptive Statistics340
2.1 Banking Supervision, Centrai Bank Independence and Statutory Goals for Monetary Policy342
3. Estimation Techniques346
3.1 Alternative Definitions of the Operational Independence and Political Independence Scores347
4. Results349
5. Conclusions351
Appendix355
References358
Paola Lanzoni and Arturo Pataniello - THE RATING INDUSTRY AND THE ROLE OF NATIONAL CREDIT RATING AGENCIES: NEW MARKETS AND NEW RULES AFTER THE EC REGULATION361
1. Reguiating the Rating Industry: Some Lessons from the Crisis361
2. The Current Regulatory Framework: From Self-Regulation to Outright Regulation363
3. Global and National Rating Agencies: Business Models and Industry Strutture366
4. The Fragmented Pitture of The Rating Industry: Is There a Future for National Rating Agencies?375
References377
BIOGRAFIE DEGLI AUTORI379
 
| Indice del sito della Biblioteca | Homepage del sito della Biblioteca