vai al testo Salta al testo principale: accesskey 1. Tasto valido per tutto il sito. Usare l'accesskey a per consultare la pagina sull'accessibilità
Biblioteca Mario Rostoni

 
 

Ritratti criminali

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13
Ritratti criminali
/ Pellicer Raynal, con testi di Massimo Picozzi. - Milano : Mondadori, 2010. - 288 p. ; 21 cm.

Dal 1882, anno in cui a Parigi Alphonse Bertillon mette a punto l’antropometria segnaletica, fino a oggi, la memoria di uomini e donne che, per i più vari motivi, hanno infranto la legge, si compone di due scatti: uno di prospetto, l’altro di profilo. Realizzato sulla base di queste istantanee particolari, accompagnate da brevi testi attinti dai dossier giudiziari che descrivono i reati commessi senza mai suggerire un’interpretazione dei fatti, il volume propone le storie di presunti colpevoli divenuti, in molti casi, famosi. Fra costoro si annoverano non solo criminali, nemici pubblici numero uno, mafiosi, collaborazionisti, ma anche membri della Resistenza e militanti dei diritti civili. Articolato in varie sezioni che passano in rassegna le più diverse tipologie di delitti e i criminali più rappresentativi, a partire dalla fine dell’ottocento, pagina dopo pagina compaiono i famigerati Bonnie & Clyde, Mata Hari, Al Capone, il mostro di Firenze, così come persone arrestate per reati contro la libertà d’espressione, per droga oppure oltraggio alla decenza, come nel caso di Janis Joplin, Jim Morrison, Jane Fonda e Jimi Hendrix. Non mancano alcuni grandi casi della cronaca nera italiana, la cui storia è descritta nei testi del criminologo Massimo Picozzi.
 
XHTML 1.1 | CSS | AAA W3C-WAI |Accessibilità| |Come raggiungerci|
| Indice del sito della Biblioteca | Torna all'homepage del sito della Biblioteca | Indice del sito dell'Università
Memorizza appunti
Chiudi appunti [y]

. [.]
 
Registra utente
Chiudi finestra [+]

. [,]