vai al testo Salta al testo principale: accesskey 1. Tasto valido per tutto il sito. Usare l'accesskey a per consultare la pagina sull'accessibilità
Biblioteca Mario Rostoni

 
 

Un oscuro bisogno di uccidere

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13
Un oscuro bisogno di uccidere
: storie nere tra follia e malvagità / Massimo Picozzi. - Milano : Mondadori, 2008. - ix, 192 p. ; 21 cm.

Un laccio di gomma che stringe il collo della ragazzina. L'assassino ci ha pensato per giorni, e lo ha scelto apposta, perche lo eccita sentirsi padrone della vita e della morte della sua vittima. Avverte tra le mani il piacere del controllo, dell'onnipotenza che lo eleva al rango degli dei. E quando gli investigatori arrivano a lui, non si dispera. È solo un po' sorpreso, quasi infastidito che quattro semplici agenti di polizia lo abbiano catturato, che abbiano messo le manette ad Angelo Izzo, il mostro del Circeo. Izzo, uno psicopatico criminale che qualcuno ha posto in condizione di uccidere ancora due donne, di prendersela con Maria Carmela e sua figlia Valentina, ammazzata quando aveva appena quattordici anni. È successo dalle parti di Campobasso, e il fatto ha lasciato tutti increduli e inorriditi. La stessa reazione della gente di Santa Caterina Valfurva, quando scopre che Loretta Zen ha preso la sua piccola Vittoria di otto mesi, e l'ha infilata in una lavatrice insieme ai panni sporchi. Loretta,che s'è ammalata di depressione, dopo che le sono morti, uno dopo l'altro, il padre e il suocero, e una gravidanza difficile ha cancellato ogni sua capacità di reagire. Loretta, che ha chiesto aiuto, che e stata visitata e presa in cura. Ma non è bastato.
Massimo Picozzi ha conversato per ore con Angelo Izzo. E cosi pure con Loretta Zen e con gli altri protagonisti di fatti di sangue che hanno riempito le cronache degli ultimi anni: dalle tre ragazzine di Chiavenna, colpevoli di aver ucciso suor Laura Mainetti in una specie di rito satanico, al gruppo che sempre a Satana si e ispirato, adottando il nome di "bestie"; da Sonya Caleffi, l'infermiera omicida di Lecco, fino a Michele Profeta, il serial killer delle carte da gioco. E proprio grazie a questa terribile vicinanza alla mente criminale puo raccontarci le inquietanti storie di persone che hanno varcato quella "linea d'ombra" che delimita il confine tra la follia e la scelta consapevole di fare del male. Storie raccontate da uno psichiatra che le ha vissute in prima persona, partecipando agli interrogatori, ricostruendo la scena del delitto, esprimendo valutazioni e perizie sullo stato di salute mentale delle persone incriminate.
Un viaggio nella mente criminale, per scoprire tutto dell'assassino e di come ha ucciso. E soprattutto risalire al movente piu profondo, capire le ragioni di azioni apparentemente inspiegabili. Perché non sempre il gesto più efferato, il comportamento più mostruoso sono il frutto della follia, di un delirio che azzera la ragione. Come queste vicende finiscono tragicamente per rivelarci, il male esiste.

 


Indice

Prefazione, di Carlo Lucarelli vii
Prologo - Pazzi o bastardi: la linea d'ombra 3
I - Un omicidio satanico a Chiavenna - Il caso di Ambra, Veronica e Milena 7
II - Il serial killer delle prostitute - Il caso di Maurizio Spinelli 25
III - Il serial killer delle carte da gioco - Il caso di Michele Profeta 41
IV - Alcol e Dna - Il caso di Andreas Kristler 57
V - La bimba nella lavatrice - Il caso di Loretta Zen 77
 
VI - La follia che fa uccidere e dimenticare - Il caso di Davide Antonelli 91
VII - Una squallida setta mortale - Il caso delle bestie di Satana 107
VIII - L'angelo della morte - Il caso di Sonya Caleffi 127
IX - Trent'anni dopo il massacro del Circeo - Il caso di Angelo Izzo 145
X - Una finta rapina per annegare un bimbo - Il caso di Mary Patrizio 161
XI - La psicologia del male 177
Ringraziamenti 191
 
XHTML 1.1 | CSS | AAA W3C-WAI |Accessibilità| |Come raggiungerci|