vai al testo Salta al testo principale: accesskey 1. Tasto valido per tutto il sito. Usare l'accesskey a per consultare la pagina sull'accessibilità
Biblioteca Mario Rostoni

 
 

Change management

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13
Change management
: come vincere la sfida del cambiamento in azienda / Gianfranco Rebora, Eliana Minelli. - Milano : Etas, c2007. - xi, 224 p. ; 22 cm.

Cambiare le organizzazioni è difficile; lo dimostra l'esperienza di tanti progetti partiti con grandi ambizioni e che si sono persi per strada. Tuttavia il cambiamento è necessario, in un mondo globale dove l'innovazione è il motore della società e dell'economia.
Purtroppo molto spesso la prospettiva del cambiamento si dissolve nella babele dei linguaggi propri delle diverse specializzazioni e dei diversi gruppi professionali, e si perde così di vista il filo di Arianna che consentirebbe di uscire da molte situazioni critiche.
Questo libro indica la via basandosi su alcune esperienze di change management che hanno ottenuto risultati significativi in imprese inserite nei contesti competitivi internazionali ma anche in enti pubblici e in organizzazioni professionali.
Gli autori si rivolgono ai potenziali agenti del cambiamento, ai leader e agli altri attori impegnati nei processi fondamentali di apprendimento organizativo, sviluppo delle competenze aziendali e gestione del potere.
Ne derivano una lettura e una vivione a 360 gradi del cambiamento in azienda, capaci di interpretarne il complesso svolgimento e di fornire uno strumento operativo adeguato a vincere le sfide poste dalle esigenze di mutamento delle organizzazioni.


Indice

Prefazione, di Gianfranco Rebora ix
1. Il change management: una visione d'insieme 1
1.1. Il change management tra ambiguità e progettualità 4
1.2. Un modello di lettura e interpretazione dei cambiamento organizzativo 7
1.3. Il circuito critico: apprendimento potere risorse 9
1.4. Il risvolto negativo e i circuiti viziosi: opportunismo, sfruttamento, "perverse learning" 15
1.5. L'inerzia organizzativa e gli agenti dei cambiamento 20
1.6. Il contesto ambientale e le spinte al cambiamento 25
1.7. I risultati dei cambiamento 28
2. Lo scenario dei cambiamento 31
2.1. I fattori di tensione strategica 31
2.2. I fattori di tensione sulle risorse 37
2.3. Lo scenario delle spinte al cambiamento in alcuni casi aziendali 41
3. Lo sviluppo delle risorse organizzative 59
3.1. Alcune testimonianze di capi azienda 59
3.2. Risorse e cambiamento nella teoria 64
3.3. Iveco: la Piattaforma di Change Management 67
3.4. Google: attrarre intelligenza, creatività, ideali 68
3.5. Regione Lombardia: il nuovo modello manageriale 70
3.6. Ospedale San Gerardo: l'accreditamento all'eccellenza 72
3.7. Elementi comuni ai quattro casi: contesto e luoghi dei cambiamento 75
4. L'inerzia organizzativa 79
4.1. Resistenza al cambiamento e malessere del lavoro 80
4.2. Iveco 84
4.3. Google 86
4.4. Regione Lombardia 88
4.5. Azienda ospedaliera San Gerardo 89
4.6. Il risvolto positivo dell'inerzia in ottica di change management 91
4.7. Opportunismo e lato oscuro delle organizzazioni 92
4.8. Le forme di inerzia 93
4.9. L'inerzia comportamentale 93
4.10. L'inerzia sistemica 95
 
5. L'apprendimento organizzativo 99
5.1. Apprendimento e cambiamento nella teoria 99
5.2. Iveco: il lavoro in piattaforma come contesto di apprendimento 106
5.3. Google: il burning man e la motivazione 107
5.4. Regione Lombardia: interiorizzare i nuovi modelli comportamentali 110
5.5. Ospedale San Gerardo: la regola dei venerdì 112
5.6. Le condizioni della creazione della conoscenza 114
5.7. Il processo di apprendimento innovativo 120
6. Il potere organizzativo 127
6.1. Iveco 128
6.2. Google 129
6.3. Regione Lombardia 131
6.4. Azienda ospedaliera San Gerardo 133
6.5. La politica dell'organizzazione 135
7. La leadership e gli agenti dei cambiamento 145
7.1. Iveco 146
7.2. Google 148
7.3. Regione Lombardia 150
7.4. Azienda ospedaliera San Gerardo 151
7.5. Gli attori nel circuito dei cambiamento 153
7.6. La leadership 155
7.7. Gli altri agenti dei cambiamento 159
7.8. I ruoli organizzativi critici 159
7.9. I ruoli e le funzioni trasversali 161
7.10. Gli attivatori di conoscenza 162
7.11. I ruoli di confine 163
7.12. I circuiti e le reti emergenti 166
7.13. Le costellazioni di ruoli 168
7.14. La regia dei cambiamento 170
8. La gestione integrata e dinamica dei cambiamento: una lettura dei caso UniCredit 175
8.1. La nascita di UniCredito Italiano: il ciclo di cambiamento 1994-2000 176
8.2. La formazione di UniCredit: il ciclo di cambiamento 2001-2004 183
9. Il pluralismo dei percorsi di change management 199
Postfazione, di Eliano Minelli 211
Bibliografia 215