Biblioteca Mario Rostoni

 
 

Scena del crimine

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13
Scena del crimine
: Storie di delitti efferati e di investigazioni scientifiche / di Carlo Lucarelli, Massimo Picozzi. - Milano : Mondadori, 2005. - 226 p. ; 21 cm.

"Perch il delitto, seppur non ha voce, ha una sua lingua." Shakespeare, Amleto.
Marta Russo, O.J. Simpson, Gianfranco Stevanin. Storie di delitti, spesso senza un motivo apparente, a volte persino opera di un serial killer. Casi che hanno riempito le pagine dei giornali, che ci hanno tenuto col fiato sospeso e che talvolta aspettano ancora una soluzione definitiva, la prova indiscutibile che incastra il colpevole. In ogni omicidio efferato, ma anche in un attentato terroristico, o in un suicidio, la "scena del crimine", come la chiamano gli investigatori, il luogo in cui tutto ha inizio. l che gli inquirenti iniziano a rispondere alle fatidiche sei domande che segnano l'andamento di ogni indagine. Che cosa successo e dove avvenuto? Chi la vittima? Quando stata uccisa? Come? E infine la domanda fondamentale, quella che apre davvero la strada per inchiodare il colpevole: perch la vittima stata uccisa? Si uccide infatti per passione, per denaro, per vendetta. Qualche volta per un banale litigio. Ma un motivo c' sempre.
Carlo Lucarelli, grande scrittore di noir, autore e conduttore di trasmissioni televisive come "Misteri in blu" e "Blu notte", e Massimo Picozzi, psichiatra e criminologo, che ha condotto programmi di grande popolarit come "SK. Predatori di uomini" e "Giallo 1", tornano insieme, dopo il successo di Serial killer, per raccontarci i grandi casi di cronaca nera che hanno insanguinato questi ultimi anni e per descriverci il modo in cui investigatori e scienziati forensi ne sono venuti a capo ricorrendo alle pi attuali tecniche investigative. Dalla morte della contessa Vacca Agusta allo schianto di Luigi Fasulo nel grattacielo Pirelli di Milano; dal micidiale attentato al palazzo del Fbi di Oklahoma City alla storia di Harold Shipman, il medico inglese autore dell'omicidio di centinaia di pazienti, Lucarelli e Picozzi ricostruiscono passo passo quali sono le tecniche e le strategie a cui gli inquirenti ricorrono dal momento del loro arrivo sulla scena del crimine e illustrano i principi scientifici e gli strumenti che sono necessari perch un investigatore possa dare una risposta a ognuna di quelle sei domande che segnano il tracciato obbligato di ogni indagine.
Perch in tutti i delitti il criminale lascia sempre una traccia, una prova che lo lega alla sua vittima.
Quella traccia bisogna trovarla, bisogna saperla riconoscere. Perch proprio l, sulla scena del crimine.


Indice

Prefazione - Piccoli assassini grandi eroi mediatici 9
Introduzione - Una parte spesso evitata dal lettore, ma qui vivamente raccomandata 17
Ragazzi che uccidono: un fenomeno in aumento? 19
Lonate Ceppino: due ragazzi, una giovane prostituta 25
Mariano Comense: Michele e l'omicidio del piccolo Claudio 35
 
Chiavenna: tre ragazze, tra noia, patologia e satanismo 45
Sesto San Giovanni: Roberto e Monica, nel cortile della scuola 65
Novi Ligure: Erika e Omar 75
Perch i ragazzi uccidono? Cosa possiamo fare? 97
Postfazione - A cosa servono questi psichiatri? 115
-->
 
| Indice del sito della Biblioteca | Torna all'homepage del sito della Biblioteca