vai al testo Salta al testo principale: accesskey 1. Tasto valido per tutto il sito. Usare l'accesskey a per consultare la pagina sull'accessibilità
Biblioteca Mario Rostoni

 
 

La formazione fuori dall'aula

Biblioteca M. Rostoni

Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)
tel. 0331-572.282
fax 0331-572.238
|E-mail: biblio@liuc.it|
Lunedì-Venerdì: 8,30-18
Sabato: 9-13
La formazione fuori dall'aula
: concetti, metodi e strumenti per un nuovo modello formativo multidimensionale / Michele Liuzzi. - Milano : Angeli, 2006. - 262 p. ; 23 cm.

Nel panorama attuale della formazione al comportamento organizzativo, il problema cruciale è quello di creare modelli e percorsi adatti all'attuale contesto sociale ed economico, capaci di rispondere all'espressione dei nuovi "bisogni d'apprendimento" e di aiutare le organizzazioni ad essere competenti e competitive.
Lo scopo del volume è di definire con maggiore chiarezza alcune caratteristiche fondamentali di questi nuovi percorsi formativi. Il modello concettuale sottostante è un modello formativo olistico, multidimensionale e transmodale. Olistico implica concepire l'uomo nella sua globalità e totalità, non diviso in parti ed aspetti della persona separati fra loro. Multidimensionale significa occuparsi dell'uomo in tutte le sue dimensioni (cognitiva, affettiva, fisica, spirituale), evitando di privilegiare una dimensione rispetto alle altre. Transmodale comporta utilizzare le diverse modalità di apprensione e di relazione con la realtà: mentale e cognitiva, percettiva e sensoriale, pragmatica e fattuale, fisica e corporea, emotiva ed affettiva.
Il volume vuole essere anche uno strumento agile e concreto per la costruzione dei nuovi percorsi formativi. A questo scopo vengono descritte oltre settanta attività di formazione "Fuori dall'aula", sia in senso metaforico che in senso letterale, tutte accuratamente descritte nelle loro varie fasi: considerazioni teoriche, preparazione, conduzione e commento.
Il libro si rivolge quindi a tutti quei formatori e a quegli operatori che lavorano nelle organizzazioni siano esse aziendali, o di intervento sociale, o di tipo educativo e psicopedagogico e che intendono avvalersi di un modello innovativo e di nuovi e più incisivi strumenti di lavoro formativo, capaci di promuovere consapevolezza sulle proprie capacità personali, motivazione ai cambiamenti, voglia di miglioramento delle proprie competenze, e desiderio di sviluppo delle proprie capacità di gestione e di leadership all'interno di gruppi e organizzazioni.


Indice

Parte I - Concetti e modelli  
1. Il contesto sociale ed organizzativo delle nuove formazioni 15
1. Il contesto sociale ed organizzativo 16
2. Nuovi bisogni formativi 16
3. Posizioni critiche 18
4. Prospettive possibili 20
2. Alcune riflessioni sul contesto dell'intervento: gruppi, soggetti e organizzazioni 23
1. Alcuni contributi psicodinamici sui gruppi 24
2. Il "noi-esecutivo" 27
3. La formazione fuori dall'aula 31
1. La nuova frontiera della formazione 31
1.1. Per un nuovo modello formativo 33
2. Per una formazione allo sviluppo della persona 36
2.1. Un modello formativo multidimensionale, transmodale ed evolutivo 38
3. Modelli teorici di riferimento 42
3.1. Il versante psicodinamico: dall'uomo colpevole all'uomo tragico 42
3.2. Il versante della formazione: motivazione, empowerment, experiential learning 45
3.2.1. La motivazione 46
3.2.2. L'empowerment 49
3.2.3. L'experiential learning and training 50
4. Concetti chiave delle nuove formazioni 52
4.1. La moderna sfida della personalità 52
4.2. Personalità, Sé e identità 54
4.2.1. Personalità 54
4.2.2. Il Sé 56
4.2.3. Identità 58
4.3. Il corpo 60
4.4. Narcisismo e autostima 62
4.5. Fiducia 64
4. Modelli di intervento, attività e giochi 69
1. Variabili operazionali delle nuove formazioni 69
1.1. Soluzione dei problemi 70
1.2. Orientamento agli obiettivi 71
1.3. Fiducia e supporto 72
1.4. Sfida, stress ed esperienze intense 72
1.5. Gioco e divertimento 76
2. Le fasi di un programma di formazione 78
2.1. La progettazione 80
2.2. La riunione plenaria 81
2.3. Il briefing 82
2.4. Svolgimento attività 83
2.5. Debriefing 86
2.6. Commento finale 89
3. Caratteristiche e qualità del formatore 90
3.1. Problemi di conduzione dell'intervento 92
4. Un esempio di nuove formazioni: l’Outdoor Training Experience 95
4.1. Caratteristiche, obiettivi, storia e impianto metodologico 95
4.1.1. Caratteristiche 95
4.1.2. Obiettivi 96
4.1.3. Storia 98
4.1.4. L'impianto metodologico 101
5. La valutazione delle nuove formazioni 102
Parte II - Metodi e strumenti  
5. Attività di riscaldamento, di movimento, rompighiaccio e deinibenti 109
1. Le attività 109
2. Attività di riscaldamento e di movimento 112
2.1. La Cattura 112
2.2. Guardie e Ladri 114
2.3. La Corsa dei Palloncini 115
2.4. La Gara dei Palloncini 116
2.5. Ave, Cesare! 118
2.6. Palla Innamorata 120
3. Attività rompighiaccio e deinibenti 122
3.1. Palla e Nome 122
3.2. Cocktail Party 123
3.3. I'm a Rock Star 124
3.4. Il Racconto dell'Altro 126
3.5. Palla in Sequenza 128
3.6. L'Hula Oop 129
3.7. La Staffetta di Hula Oop 131
 
3.8. Il Lancio dei Rifiuti 132
3.9. L'Afferraoggetti 134
3.10. Pennarelli Incrociati 135
3.11. La Fattoria degli Animali 137
3.12. Tutti al Corteo! 138
6. Attività di comunicazione, di costruzione di clima e di relazione, e di team building 141
1. Attività di comunicazione 141
1.1. Le Figure 141
1.2. Il Consulente 143
1.3. Tempesta di Feedback 145
1.4. Parole di Carta 147
1.5. Il Linguaggio del Corpo 149
1.6. L'Immagine allo Specchio 150
1.7. Pallone S/gonfiato 152
1.8. Missione in Tibet 153
1.9. Fischi e Fiaschi 156
2. Attività di costruzione di clima, di relazione e di team building 159
2.1. Dieci Piccoli Forrest Gump 159
2.2. Da Dove Vieni? 161
2.3. Etichette 163
2.4. Il Portaborse 165
2.5. Lettere e Parole 167
2.6. Al Festival di Sanremo 169
2.7. Le Triadi 171
2.8. La Forza del Team! 172
2.9. Il Risciò 174
2.10. Il Grinch 176
2.11. Il Ringi 178
2.12. Celebrazione 180
7. Attività su fiducia e supporto reciproco 183
1. Attività 183
1.1. Appòggiati! 183
1.2. Tom & Jerry 185
1.3. Camminata Cieca 186
1.4. La Scala della Vita 188
1.5. Passaggio a Livello 190
1.6. Il Filo di Arianna 193
1.7. Scambio sul Palo 195
1.8. La Trave 196
1.9. Il Copertone 197
1.10. V Bassa 199
2. La "Trust Sequence" 201
2.1. Il Pendolo 204
2.2. Canne al Vento 206
2.3. La Levitazione 206
2.4. Trust Fall 207
2.5. Il Tuffo in Piscina 209
8. Attività su team working, problem solving, apprendimento, creatività e decísion making 211
1. Attività di movimento, di immaginazione, e di creatività 211
1.1. Catene! 211
1.2. Il Nodo Gordiano 214
1.3. La Danza dei Valori 215
1.4. L'Immaginazione al Potere 217
1.5. Teatro! 218
2. Attività di facile preparazione e con materiale trasportabile 221
2.1. Missione Impossibile 221
2.2. Il Galeone Spaziale 223
2.3. Il Labirinto 226
2.4. Cartellini Numerati 228
2.5.I Dieci Posti 231
2.6. Il Quadrato Perfetto 233
2.7. Le Frecce Tricolori 235
2.8. Polinesia 238
2.9. Forte Bastiani 239
2.10. Esploratori Spaziali 242
2.11. La Torre 244
3. Attività che utilizzano materiale consistente 247
3.1. I Praho della Malesia 247
3.2. La Tela di Ragno 249
3.3. Gli Sci 251
3.4. Trasporto Eccezionale 253
3.5. L'Atterraggio 254
3.6. Tarzan 255
Bibliografia 257
 
XHTML 1.1 | CSS | AAA W3C-WAI |Accessibilità| |Come raggiungerci|